.: Amore dopo amore

Avete mai fatto il pane in casa ? Intendo con le mani, e senza macchina del pane.

Per questi 3 filoncini ho usato solo

250 gr di farina
180 ml di acqua tiepida
6 gr di lievito di birra
1 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di miele o zucchero

02_pane

Sciogliete il lievito insieme al miele in 50 ml di acqua presa dal totale.

Mettete in una ciotola la farina, fate un buco al centro e mettete il lievito sciolto e la restante acqua e iniziate a mescolare con un cucchiaio di legno.

Aggiungete il sale e mescolate per farlo assorbire all’impasto che risulterà granuloso, molle e appiccicoso.

Spolverate la superficie con abbondante farina e fate lievitare coperto per un’ora e mezza.

Con l’aiuto di una spatola trasferite l’impasto sulla leccarda del forno foderata di carta forno e ben infarinata facendo in modo che la parte infarinata sia rivolta verso l’alto.

Dividete in tre parti e spostateli delicatamente: distanziateli tra loro fino a formare i filoncini di pane.

Infornate il pane in forno caldo a 230° e cuocete per circa 30 minuti

Amore dopo amore

Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell’altro,

e dirà: Siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato

per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d’amore,

le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. È festa: la tua vita è in tavola.
———
Love After Love

The time will come
when, with elation,
you will greet yourself arriving
at your own door, in your own mirror,
and each will smile at the other’s welcome,

And say, sit here. Eat.
You will love again the stranger who was yourself.
Give wine. Give bread. Give back your heart
to itself, to the stranger who has loved you

all your life, whom you ignored
for another, who knows you by heart.
Take down the love letters from the bookshelf,

the photographs, the desperate notes,
peel your own image from the mirror.
Sit. Feast on your life.

Derek Walcott

2 thoughts on “.: Amore dopo amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...