.: Fear not this night

I know it’s kind of paradoxical. E’ strano mettere insieme il cous cous e il maiale, lo so. But life is made of contrasts. Opposite feelings, opposite situations, odd events, weird thoughts. Night and day, fire and ice. La vita è fatta di opposti. Perché non dovrebbe esserlo la cucina?


Fatima had made some more cous cous for me, and I had put some extra (stewed) semolina in the fridge. So I decided to wed it with some pork sausage. Just cut the sausage in small pieces and put it in a pan with the cous cous.
Love it. The semolina become nicely crisp and was perfect with the meat.

Il cous cous è diventato croccante e si abbina perfettamente alla salsiccia. Be’ sì, non lo mangeranno mai in Marocco, almeno non credo. Però… chi lo sa. Non temiamo questo abbinamento. Non temiamo la notte. Sappiamo che il giorno verrà.

Pare che il Re Salomone mangiasse couscous per alleviare le pene d’amore causate dalla Regina di Saba. Ma ciò che è più importante è che il couscous è il cibo della condivisione.. dell’amicizia.
Fatima è partita.. con le lacrime. Spero che sarà felice anche se mi manca già tantissimo. Lei lo avrebbe chiamato seksu.